Informazioni sul metodoPronto Soccorso Emozionale (PSE), Terapia orientata al legame per genitori-figli


Definizione

Il Pronto Soccorso Emozionale (PSE) è un metodo centrato sul corpo utilizzato nel sostegno al legame, nell'intervento in caso di crisi e nel sostegno terapeutico per genitori, neonati e bambini.

Origine

Il PSE può essere fatto risalire al lavoro pionieristico del medico, psicoanalista e scienziato Wilhelm Reich (1897-1957), che già negli anni Quaranta sviluppò prime idee su come utilizzare il metodo da lui sviluppato e chiamato vegetoterapia (psicoterapia orientata al corpo) nel suo lavoro con genitori, neonati e bambini piccoli altamente stressati. In questo contesto ha parlato per la prima volta di «Emotional First Aid». Sua figlia Eva Reich, che lavorò come medico e ostetrica negli Stati Uniti, sviluppò ulteriormente il lavoro del padre e ne fece un importante elemento costitutivo di una psicoterapia corporea preventiva, che chiamò «Bioenergetica delicata».
Alla fine degli anni Ottanta, lo psicologo e psicoterapeuta corporeo Thomas Harms studiò con Eva Reich e collegò questo lavoro pionieristico di psicoterapia corporea con la nuova ricerca sul neonato, sull'attaccamento e sul trauma. Harms sviluppò ulteriormente il concetto del «Pronto Soccorso Emozionale» in un modello di terapia genitore-bambino orientato all'attaccamento e al trauma.
Il PSE di oggi combina le conoscenze della moderna psicoterapia corporea con le scoperte della neurobiologia, della psicotraumatologia e della ricerca sull'attaccamento.
Il PSE viene insegnato e utilizzato principalmente in Germania, Svizzera, Austria, Italia, Lussemburgo, Belgio e Paesi Bassi nel contesto della terapia ambulante e clinica genitore-bambino e dell'intervento acuto.

Fondamenti

L'idea centrale del PSE è quella di sostenere, promuovere e, se necessario, ricostruire il legame emotivo tra genitori e figli. Poiché un dialogo sensibile e amorevole può riuscire solo sulla base di un corpo rilassato, si usano diversi metodi fisici, come l'autoconnessione, per migliorare e promuovere la capacità di contatto e di relazione tra genitori e figli. L'auto-attaccamento descrive lo stato di una relazione interiore stabile con il proprio corpo e le proprie sensazioni. Secondo Harms, è la base effettiva della competenza intuitiva dei genitori.
Il concetto orientato all'attaccamento del PSE presuppone che gli schemi caratteristici di sentire, pensare e agire siano radicati nelle esperienze del periodo della gravidanza, della nascita e del primo periodo di vita. Queste prime relazioni di attaccamento umano sono di particolare importanza. Il PSE si basa sul presupposto che l'esperienza di un attaccamento stabile e sicuro rende possibile un'efficace attivazione del nervo a riposo o ricreativo (sistema nervoso parasimpatico). L'attivazione del più grande nervo cranico del sistema nervoso parasimpatico (nervo vago) va di pari passo con i sentimenti di sicurezza nella comprensione del PSE.
Al contrario, i sentimenti di paura e insicurezza dei genitori e del bambino, l'aumento della tensione corporea e muscolare e l'aumento dell'eccitazione (ipereccitazione) sono espressioni di una dominanza del nervo di lotta e fuga (nervo simpatico). La sua attivazione riduce la disponibilità dei genitori ad accettare e a legarsi, così come la loro capacità di essere sensibili. Come possibile conseguenza, sorgono dei disadattamenti tra genitori e figlio, che possono portare a sintomi psicosomatici nel bambino.
Nel PSE le esperienze di legame prima, durante e dopo la nascita sono rese consapevoli ed esplorate - questo attraverso varie forme di lavoro corporeo. Attraverso la percezione del corpo, la qualità della capacità di relazione e di regolazione del paziente può essere determinata più precisamente. Nel processo terapeutico, l'attenta osservazione e la valutazione dell'esperienza corporea soggettiva hanno quindi un ruolo importante.

© 2022 Eskamed SA

Trovare terapeuta